Damn you autocorrect – I

Cougar
E l’ouzo greco?
Ne sanno.

George
sì ma non nominarlo ai turchi

Cougar
Vabbè chiaro

George
turchi e greci hanno esattamente le stesse cose
ma devi chiamarle nel modo giusto

Cougar
E l’ouzo turbo come si chiama?
Turco!
Maremmagatta!

George
Raki

Cougar
Ok, è facile. Posso farcela a ricordarlo.

George
assurdo
in turchia con sto affare ci pasteggiano
allungato con l’acqua…
ma se ne sfondano una bottiglia

Cougar
Ma si è buonissimo!
Con acqua e ghiaccio va giù come acqua e ghisa
GHIACCIO!!!
Vabbè…

George
anche se la ghisa va giù eccome
massa per accelerazione
un bjoux

Cougar
Già. Vedi, tutto torna. Nonostante l’autocorrettore.

Fun with Twitter and musicians

I am having so much fun with Twitter today:


I know a very lucky someone that will probably be having his second @xMAdMx concert in a year, tonight. #Holland #madm #enviousless than a minute ago via TweetDeck


HOLLAND SEE YOU TONIGHT ! RT @Coguara: I know a lucky someone that will be having his second @xMAdMx concert in a year, tonight. #Hollandless than a minute ago via TweetDeck


@xMAdMx My secret agent @ Den Bosch gig told me (I quote): “the mirrored pickguard on the black precision bass ROCKS!” #wishiwasthereless than a minute ago via TweetDeck


Whoah. RT @Coguara: @xMAdMx My secret agent @ Den Bosch gig told me (I quote): “the mirrored pickguard on the black precision bass ROCKS!”less than a minute ago via Echofon



Previous tweet indicates that WE are not the only gear nerd in the house. Awesome. #NoGearNerdLikesToBeAloneless than a minute ago via Echofon


@willingenabler He also lamented the absence of @xMAdMx ‘s usual Ampeg rig (aka “the fridge”) ;) #NoGearNerdLikesToBeAloneless than a minute ago via TweetDeck


@Coguara @xMAdMx Who wants to lug THAT thing across Europe? :) Save your back and use a BASS POD. :) #GearNerdsUniteless than a minute ago via Echofon

Timeless

It is the individual only who is timeless. Societies, cultures, and civilizations — past and present — are often incomprehensible to outsiders, but the individual’s hunger, anxieties, dreams, and preoccupations have remained unchanged through the millennia. Thus, we are up against the paradox that the individual who is more complex, unpredictable, and mysterious than any communal entity is the one nearest to our understanding; so near that even the interval of millennia cannot weaken our feeling of kinship. If in some manner the voice of an individual reaches us from the remotest distance of time, it is a timeless voice speaking about ourselves.
Reflections on the Human Condition by Eric Hoffer, 1973

When a massive star explodes at the end of its life, all the heavy elements it’s created (like iron, calcium and so on) are blown out into space, where they can merge with gas clouds. These clouds then collapse to form other stars, planets … and you. The iron in your blood and the calcium in your bones were literally forged in the hearts of ancient supernovae. When a star dies, it gives life to others […]. Astrophysics as poetry! Awesome.

Phil Plait, Article on Blastr.com, 1/09/2010

To # or not to #

Commenti che si trovano nel nostro codice:

# Collega1 – 03122009
# Il primo che dice che cosi’ e’ una porcata, lo mando a parlare con
# Collega2, Collega3 e Collega4
# e poi se lo risolve dopo averli messi d’accordo
# Collega5 mi da’ l’ok per lasciare questo commento polemico

Ricongiungimenti

E’ tornato! Il Granduca è riuscito a trovarmi nonostante il biglietto che gli avevo lasciato quando ho cambiato casa fosse andato perso per colpa di una civetta ubriacona, ma questa è un’altra storia.

Poco fa sono uscita per stendere i panni (e non capisco cosa ci sia di così strano, anche se Mama mi ha chiesto “Ma tu stendi i panni la notte?”) e l’ho visto, sul muro. Mi ha fatto l’occhiolino e poi è sgusciato via. Doveva andare ad una festa, ha detto.

Everything Must Converge

Maga: il prosecco mi rende garrula in modo inquietante. dovrò bannare qualcuno dai miei contatti o finirò per fare una proposta di matrimonio entro le prossime 3 ore
Cougar: puoi farla a me, così siamo tranquille che non si fan danni :D
Maga: fal
che poi sarebbe fla
Cougar: ma in un mondo parallelo.
:D
anzi
asintotico
Maga: oh gesù. lo sospettavo.
gli asintoti si incontrano e le parallele no, è così il trucco, vero?
o si incontrano ad infinito
che l’ho sempre trovato molto romantico
nel mondo della matematica
Cougar: se non ricordo malissimo, nemmeno gli asintoti si incontrano, o si incontrano in un solo punto… e prima e dopo prendono direzioni opposte. ora controllo
meglio essere parallele che incidenti.
no ok
ho detto una cazzata che erano quasi due
“Il termine asintoto è utilizzato in matematica per denotare una retta, o più generalmente una curva, che si avvicina indefinitamente ad una curva data.”
Maga: il termine “indefinitamente” mi si incolla addosso come dei pantaloni di lattice nero
Cougar: davvero.
(e sei una poetessa.)
http://en.wikipedia.org/wiki/Asymptote
la seconda immagine, quella similNautilo, è davvero filosofica.
“A curve intersecting an asymptote infinitely many times.”

[…]

Cougar: sto partorendo la mia massima.
Maga: respiri, signora!
Cougar: ahahahah
“Asymptotic notation is also called Big O notation. Somehow this fits with my theory that curvilinear asymptotes are a paradigm of love.”
ma non so se si capisce il senso di questa cosa come lo intendo io
paradigm non è la parola che cercavo.
Maga: lo trovo una roba estremamente complicata ed efficace. :D
Cougar: :D
epitome è più figo però.
Maga: epitome is the new sexy.
Cougar: ahahahahahahahahah
ma tu lo sapevi che gooooogle ha una nuova funzionalità che si chiama…
zan zan zan
WONDER WHEEL!
Maga: woooooooooooooooooooo!
e cosa ci puoi fare?
Cougar: mah non l’ho capito. è tipo un grafico di termini correlati
Maga: ma il vero punto è: come cazz ci sei giunta fin lì?
Cougar: cercando #math (sto pensando un hashtag adeguato per twitter e volevo vedere cosa c’era già che includesse math)
ma apparentemente non esiste una simile funzione di ricerca.
ovvero fa solo la ricerca precisa e non cerca cose “che contengano” math
Maga: sei meravigliosamente nerd e io ti invidio
Cougar: fossi brava la creerei io.
haha ma noooo
Maga: è un complimento
Cougar: :D nerd is the new epitome is the new sexy.

[…]

Maga: per il potere del tandem!
(da leggere con la voce di he-man)
Cougar: ammeilpotereeeeeeeeeeeeeeeeeeee
(l’impossibile tigre verde a questo punto fa RAWR.)
ma perchè le onomatopee sono spesso più divertenti in inglese?
Maga: perchè dante era un pantofolaio
e piuttosto che farsi un giretto per il mondo si è inventato un idioma buffo
Cougar: ahahahahaha :D
ma non è mica vero
[campanilismo mode:ON]
Ha girato questo mondo e quell’altro!
Maga: applausi
Cougar: dehehihihoho
credo andrò a fumare una paglia fuori, intanto cerco nuovi spunti.
Maga: ok, calamity. io farò la guardia al fortino.
Cougar: ahahaha
avevo letto
“io farò la guardia al fiorino”.
e ho avuto l’immagine mentale di te appoggiata alla portiera di un fiorino bianco, con una Diana blu in bocca, le braccia incrociate e una tuta bianca da imbianchino.
la faccia truce.
Maga: fumo una paglia anch’io, . occhio al furgone. daisy dovrebbe arrivare a momenti. occhio a quel verme di rosco.
Cougar: tzk! lo spedisco con rutto a grufolare nel trogolo di nonno jebediah! spù (pallina di tabacco)
Maga: good girl

Obey gravity, it’s the law

Dredd the Mipper: mippato (v.)?
La collega del QA: ancora no :) il fatto è che devo testare prima tutte le API perchè la tua rev è l’ultima del ramo API, e sul ramo API ci sono un po’ di cose in coda
Dredd the Mipper: ma la mia non ha dipendenze :)
La collega del QA: sì ma le API non le portiamo mai di rsync
La collega del QA:è una legge di Miguelon!
Dredd the Mipper: qui finisce la legge, e comincio io

Ex libris

Trovo a casa una serie di pile di libri che Mama vuole dare via, e mi ci tuffo a pesce per vedere se c’è qualcosa per me.
(C’era. Due borse di libri. Ora, l’aver dove metterli è un discorso diverso che non affronteremo in questa sede.)
Per arrivare al dunque: trovare tanti libri interessanti da riempirci due borse già non ha prezzo,
ma ne ha ancora meno trovare,
in una pila,

tra
“Corso di Parapsicologia”

e
“Come l’acqua che scorre”
della Yourcenar…

“La caccia subacquea in dieci facili lezioni”!

Il sottotitolo sarebbe “Come spolverare una stanza rotolandosi sul pavimento in seguito alla vista di improbabili congiunzioni bibliche”  (bibliche nel senso di βιβλίον. Mi veniva su librarie ma non mi suona bene.)

Resta poi da capire cosa ci facesse un libro sulla caccia subacquea in casa nostra, ma questi sono dettagli e poi non ne posso parlare perchè ci stanno già facendo una sceneggiatura per una puntata  di CSI.

La pagliuzza e la trave

“Una cosa che devi sapere e non dimenticare è che gli animali non mentono mai. Non mentono, non si travestono e sono sempre fedeli alla propria natura. E’ per questo che ci si può fidare di loro.”
“Scusami Coco, ma io non mi fido dei leoni. Nè degli elefanti, nè dei serpenti…”
“Perchè vorresti che fossero come te li sei immaginato da piccolo. I leoni dovrebbero essere animali possenti ma dolcissimi come in un cartone animato di Walt Disney. Ma non sono così, e quando si comportano da leoni, ti disturba che non siano come gli animali immaginari che ha creato la tua fantasia. Gli orsi bianchi non portano cappelli a cilindro e non vanno in giro su ridicoli motocicli. Nè dormono nel loro lettuccio accanto a Riccioli d’Oro. E’ la gente che li obbliga a fare cose stupide nei circhi e nei libri e nei film per bambini. Certo, alcuni sono più mansueti, altri più feroci, ma alla fine saranno sempre degli orsi, sempre! E non bisogna mai voltar loro le spalle. Nè avvicinarsi troppo. Molto semplice.

Non sono loro che sono sleali: lo sei tu nella percezione che hai di loro.”

[Mele bianche – Jonathan Carroll]

Comincia, come quasi tutto, con una canzone.

Comincia, come quasi tutto, con una canzone.
Al principio era il verbo, erano parole accompagnate da una melodia. È così che venne fatto il mondo, che il vuoto fu diviso, che le terre e le stelle e i sogni e gli dèi minori e gli animali… che ogni cosa venne al mondo.
Con il canto.
I grandi rettili furono cantati dopo che il cantore aveva finito con i pianeti, le colline, gli alberi, gli oceani e gli animali più piccoli. Furono cantate le scogliere che legano l’esistenza, i terreni di caccia, e l’oscurità.

Le canzoni rimangono. Durano. La canzone giusta può trasformare un imperatore nello zimbello del paese, può far cadere dinastie. Una canzone dura ben oltre il momento in cui i fatti e le persone di cui parla sono diventati polvere e sogno.
È questo il potere delle canzoni.

[I ragazzi di Anansi – Neil Gaiman]